SQLServerITA

SQL Server e non solo

  • aprile: 2011
    L M M G V S D
    « Mar   Mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Blog Stats

    • 17,021 hits
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 6 follower

Archive for aprile 2011

SQL Server 2008: cambiare il percorso datafile e tlog

Posted by belthazor78 su 29 aprile 2011


Per cambiare il percorso di default dove vengono creati e posizionati i datafile e tlog dei nostri database (o meglio di quelli che verranno creati successivamente alla modifica di tale parametro) è un’operazione molto semplice e che non richiede il riavvio della nostra istanza SQL Server.

Con SQL Server 2008 (ma anche con SQL Server 2005) è sufficiente selezionare la nostra istanza SQL e con il tasto destro scegliere Properties:

Alla maschera delle proprietà, scegliere l’opzione Database Settings sulla sinistra della maschera.

I campi da dover modificare sono Data e Log in basso a destra; una volta cambiati tali percorsi e cliccato sul pulsante OK, le impostazioni saranno da subito attive.

Volendo eseguire la stessa procedura tramite script SQL è sufficiente scrivere:

USE [master]
GO
EXEC xp_instance_regwrite
N’HKEY_LOCAL_MACHINE’, N’Software\Microsoft\MSSQLServer\MSSQLServer’,
N’DefaultData’, REG_SZ, N’C:\NuovoPercorso’
GO
EXEC xp_instance_regwrite
N’HKEY_LOCAL_MACHINE’, N’Software\Microsoft\MSSQLServer\MSSQLServer’,
N’DefaultLog’, REG_SZ, N’C:\NuovoPercorso’
GO

Facile!

P.S. Attenzione al valore MSSQLServer che rispecchia il SID dato all’istanza SQL Server.

Posted in SQL+Server+2008 | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SQL Server 2008 R2 SP1: alcune utili nuove query

Posted by belthazor78 su 27 aprile 2011


Da poco è uscita la SP1 in CTP per SQL Server 2008 R2 e insieme ad essa sono comparse e/o migliorate alcune Dynamic Management Views che ci aiuteranno a reperire utili informazioni sulla nostra istanza di SQL Server e il Server che lo ospita. Vediamo alcune.

Con questa query, per esempio, potremmo conoscere i servizi legati alla nostra istanza e loro relative informazioni:

SELECT
servicename AS [Nome Servizio],
startup_type_desc AS [Tipo Avvio],
status_desc AS [Stato Servizio],
process_id AS [ID Processo],
last_startup_time AS [Ultimo Avvio],
service_account AS [Account di Avvio],
is_clustered AS [Cluster],
cluster_nodename AS [Nome Cluster]
FROM
sys.dm_server_services;

Tramite un’altra Dynamic Management Views (sys.dm_server_registry) potremmo, invece, reperire alcune informazioni relative alle impostazioni di rete ed altro; è molto comoda come vista in quanto non sarà più necessario creare delle query ad-hoc che usano stored di sistema xp_regread:

SELECT
registry_key AS [Chiave Registro],
value_name AS [Nome Parametro],
value_data AS [Valore Parametro]
FROM
sys.dm_server_registry;

Molto comode no?

Posted in SQL+Server+2008+R2 | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

SQL Server 2008 R2: cambiare il percorso di default dei backup

Posted by belthazor78 su 26 aprile 2011


Con SQL Server 2008 R2 è diventato molto più semplice cambiare il percorso di default in cui vengono salvati i nostri backup dei database. Con le versioni precedenti di SQL Server, infatti, l’operazione non era tra le più semplici in quanto bisognava cambiare anche delle impostazioni del registro di configurazione.

Con SQL Server 2008 R2, invece, l’operazione sarà molto più semplice e meno “pericolosa”….vediamo come.

Accediamo alla nostra istanza di SQL Server 2008 R2 e con il tasto destro del mouse scegliere l’opzione Facets:

Dopo pochi secondi vi comparirà la maschera come da seguente figura:

A questo punto sarà sufficiente cambiare il valore presente nella riga BackupDirectory per cambiare il percors di default di salvataggio dei nostri backup dei database. Tutto molto più semplice e immediato.

Posted in SQL+Server | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

SQL Server 2008 R2 Service Pack 1 CTP

Posted by belthazor78 su 25 aprile 2011


Disponibile la Community Technology Preview del primo Service Pack di SQL Server 2008 R2 che aggiunge molte viste di sistema utili per sapere informazioni su SQL Server e sul Server che lo ospita. Mi raccomando di leggere sempre e bene anche la guida Microsoft SQL Server 2008 R2 SP1 Readme.htm che può aiutarvi a capire alcune cose importanti come, per esempio, lo spazio disco libero richiesto per l’installazione della SP1.

Ecco l’indirizzo da cui scaricare la SP1: http://www.microsoft.com/downloads/en/details.aspx?FamilyID=bd200f8e-ba8a-45e3-af59-e28a9e2d17df

Posted in SQL+Server, SQL+Server+2008+R2 | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

SQL Server: LIKE quick tips

Posted by belthazor78 su 19 aprile 2011


Un velocissimo consiglio: supponiamo vogliate cercare all’interno della vostra tabella una stringa che abbia almeno 3 caratteri prima e dopo la chiocciola dell’email. Bene usando, come per altri casi, l’operatore LIKE possiamo raggiugnere questo scopo semplicemente usando gli Underscore “_”

Per esempio potremmo scrivere una query simile a questa:

select * from dbo.Users where UsrEmailAddress  where ltrim(rtrim(Email)) like ‘___%@___%’

Molto molto semplice ma efficace 😀

Posted in SQL+Server | Leave a Comment »

SQL Azure: import dei dati con DAC

Posted by belthazor78 su 7 aprile 2011


Vediamo con questo piccolo post come effettuare un export del nostro database SQL Server ad uno SQL Azure tramite i DAC; non spiegherò in dettaglio i DAC ma illustrerò solo la procedure di migrazione.

Ecco le nostre due istanza di SQL: una in locale ed una Azure.

Scegliamo il database di cui vogliamo migrare la struttura (solo struttura non i dati); con il tasto destro del mouse selezionare Tasks–>Extract Data-Tier Application

Alla schermata Introduction selezionare il pulsante NEXT.

Alla maschera Set Properties definire alcuni valori per identificare il pacchetto DAC e dove poterlo salvare. Cliccare NEXT una volta scelti tutti i parametri corretti.

Classica schermata riassuntiva con la validazione finale; se la validazione dovesse incontrare dei problemi non sarà possibile creare il pacchetto DAC. Se tutto è conforme cliccare sul pulsante NEXT per effettuare la creazione del DAC.

La schermata Build Package in fase di creazione della DAC.

Quando la DAC sarà stata creata con successo cliccare sul pulsante FINISH.

Per curiostià: effettuando un “doppio click” sul file DAC creato verrà avviata una procedura per effettuare una sorta di unzip del file e ci verrà chiesto un percorso dove scompattare i vari file.

Ecco cosa contiene un pacchetto DAC: una serie di file SQL e vari file XML.

Bene, vediamo come poter utilizzare questo file DAC su Azure; selezionare l’istanza di Azure e con il tasto destro del mouse selezionare Deploy Data-tier Application

Si aprirà a video una maschera simile alla seguente; cliccare su NEXT per proseguire.

Alla schermata del Select Package dovrebbero essere completati in automatico i vari campi.

Alla maschera Update Configuration ci verrà chiesto il nome del database che verrà creato sulla nuova istanza SQL. Cliccare su NEXT per proseguire.

Solita maschera di riepilogo; cliccare su NEXT per iniziare la fase di import dei dati dal pacchetto DAC.

Ecco i vari step con tutte le informazioni circa il loro risultato

Cliccando su un messaggio di Warning otterremo dettagli sufficienti per capire la causa del problema. Non dovrebbero esserci grossi problemi fino a quando non riceveremo a video degli Error.

Ecco il nostro nuovo database creato su Azure con le stesse configurazioni (ove possibile) del nostro database installato su una istanza in locale di SQL Server.

Posted in SQL+Azure | Leave a Comment »

SQL Server Denali: startup parameters

Posted by belthazor78 su 1 aprile 2011


Altra ottima novità che sarà presente con SQL Server Denali.

Questa volta parliamo dei Startup Parameters di SQL Server; con le versioni precedenti bisognava editare una stringa lunga di parametri facendo moltissima attenzione alla separazione degli stessi. Non era molto comoda come opzione specialmente se si editavano dei parametri così importanti.

Con SQL Server Denali il discorso è cambiato e in meglio.

Accediamo al SQL Server Configuration Manager e selezioniamo il ramo SQL Server Services:

Selezioniamo l’istanza di cui vogliamo cambiare i parametri di avvio e con il tasto destro del mouse scegliamo Properties:

Alla schermata delle proprietà selezionare il tab Startup Parameters e vi troverete davanti la figura seguente: facile, come si può notare, l’inserimento e la rimozione di un parametro senza più l’obbligo o il compito di inserire per esempio il punto e virgola per separare i parametri.

Posted in SQL+Server+Denali | Leave a Comment »